GfK: il mercato globale del TCG diventa positivo nel 2020

Foto di Clker-Free-Vector-Images da Pixabay

Come riportato da Gfk, la pandemia ha sconvolto più settori nel 2020, tuttavia il mercato globale dei beni di consumo tecnologici (escluso il Nord America) ha mostrato resilienza con una crescita del valore del +2% durante l’intero anno. I consumatori si sono rivolti alla tecnologia per continuare a lavorare e ad apprendere rimanendo a casa, il che ha portato a un aumento della domanda di prodotti IT e Office. Altrettanto importante era la necessità a fruire della comodità offerta dagli elettrodomestici per cucinare e pulire, soprattutto in Europa e in altre regioni ricche. Dopo la contrazione del mercato dell’aprile 2020, con un calo del valore delle vendite di quasi il 25%, sembrava che l’impatto del Covid-19 sarebbe stato devastante. Ma i mercati si sono ripresi con lo svolgersi dell’anno. “Un anno senza precedenti è alle nostre spalle e alla fine il Covid-19 si è trasformato in un motore del settore tecnologico e dei beni durevoli – spiega Norbert Herzog, esperto di GfK di beni di consumo tecnici -. Ciò avrà un effetto duraturo poiché la digitalizzazione delle famiglie è stata accelerata e i consumatori hanno investito molto nelle loro apparecchiature IT e negli elettrodomestici. Oggi, il numero di prodotti posseduti per famiglia è più alto che mai, spingendo i mercati del TCG ad aumentare i livelli di reddito a lungo termine”. Ma esiste una chiara divisione tra le regioni sviluppate e quelle emergenti a livello globale. In Europa e nelle regioni asiatiche sviluppate, i consumatori hanno investito nelle loro case (+8% di crescita del valore nel 2020 su base annua). I mercati emergenti in Asia e America Latina, tuttavia, hanno registrato un calo del -4% rispetto al 2019. Colpita per prima nel gennaio 2020, la Cina ha contribuito a questo risultato negativo. La successiva ripresa del mercato in Cina ha subito un’accelerazione con l’avanzare del 2020, ma non è stata in grado di compensare le perdite complessive. E il più grande blocco del mondo in India ha devastato tutte le vendite nel mese di aprile in tutto il paese.