BSD: «Novità per l’alta gamma, con grande attenzione alla tecnologia smart»

Davide Berselli, amministratore delegato di BSD
Davide Berselli, amministratore delegato di BSD

Nuove soluzioni, tecnologie smart e la consueta attenzione a qualità, design e risparmio energetico. BSD, azienda bolognese che distribuisce alcuni tra i migliori marchi europei di elettrodomestici, affronterà le nuove sfide del 2020 con contenuti innovativi. «Quanto accaduto negli ultimi mesi può rappresentare una grande opportunità per tornare a parlare di prodotti e strategie che guardino al futuro», spiega Davide Berselli, amministratore delegato dell’azienda.

Su quali contenuti vi focalizzerete?
Presenteremo i nuovi frigoriferi della linea Monolith di Liebherr. Si tratta di apparecchiature di grandi dimensioni, superiori al tradizionale incasso europeo e di altissima gamma; si caratterizzano per le linee pulite, che consentono di integrare questi elettrodomestici in qualsiasi tipo di cucina, oltre che per la straordinaria silenziosità e le funzioni innovative.

Per esempio?
Possiamo citare la tecnologia BioFresh, che permette di conservare più a lungo i prodotti deperibili, grazie alla possibilità di mantenere una temperatura di poco superiore agli 0° C e un’umidità controllata. Abbiamo inoltre installato il display InfinitySwipe da 3,5’’, particolarmente chiaro e di semplice utilizzo, infine abbiamo introdotto delle soluzioni per il controllo da remoto.

Quali?
Attraverso il sistema SmartDevice è possibile controllare alcune funzionalità del frigorifero e del congelatore, utilizzando lo smartphone o il tablet. È poi possibile ricevere segnali di allarme in caso di guasti o malfunzionamenti.

Il consumatore italiano si è abituato al concetto di cucina smart oppure il processo di assimilazione di questa tecnologia deve ancora accelerare?
Ovviamente passi avanti sono stati fatti in questi anni, ma credo che le persone non siano ancora pienamente entrate in confidenza con tutte le potenzialità di questi sistemi. Si tratta di soluzioni che necessitano di essere spiegate e valorizzate, mentre la sensazione è che troppo presto prevalgano i discorsi sul prezzo piuttosto che sui contenuti.

Un altro argomento che sarà al centro della cucina del futuro è la svolta green.
L’attenzione a questo aspetto è per noi un processo consolidato. Per fare solo qualche esempio, Liebherr è stata la sesta azienda in Germania ad ottenere lo standard ISO 14000; da sempre, inoltre, le nostre apparecchiature presentano elementi riciclabili e studiamo gli imballaggi per ridurre al minimo l’impatto ambientale.

Anche con il nuovo sistema di etichettatura energetica?
Dal punto di vista tecnologico e produttivo assolutamente sì. Siamo solo colpiti dal fatto che l’Unione europea ha mantenuto la medesima modalità di comunicazione delle prestazioni energetiche tramite le lettere, nonostante abbia introdotto un cambiamento epocale. Il rischio di creare confusione è elevato, soprattutto quando parliamo di prodotti con una vita media molto lunga: come spieghiamo alle persone che un nuovo frigorifero in classe B è migliore di quello in classe A++ che ha acquistato qualche anno prima?

Torniamo alle vostre nuove proposte. Ci saranno altre novità?
La gamma di frigoriferi Monolith, di cui abbiamo parlato, sarà integrata anche da una serie di cantinette per la conservazione dei vini.

E ASKO?
Anche per ASKO presenteremo alcune novità importanti. Per esempio, i piani a induzione “a filo”, con un design Mat satinato, antigraffio e antimacchia e la nuova linea di forni. Si tratta di apparecchiature innovative che offrono all’utente cinque diverse modalità di cottura: tradizionale, microonde, vapore puro, combinato microonde e combinato vapore.

Le persone sono in grado di utilizzare tutte queste funzioni?
Dipende. C’è chi ama cucinare e sperimentare e chi invece non ha né il tempo, né il desiderio di sfruttarne tutte le potenzialità. Per questo motivo abbiamo lavorato sull’estrema praticità del display e delle funzionalità.

Come?
Esistono 150 ricette preimpostate che consentono di preparare un gran numero di piatti: basta impostare il peso e il livello di cottura desiderato e il forno fa il resto.