Ricavi record per Unieuro: 2,45 miliardi di euro (+16,2%)

Giancarlo Nicosanti Monterastelli, amministratore delegato di Unieuro
Giancarlo Nicosanti Monterastelli, amministratore delegato di Unieuro

Il clima è surreale, in tempi di Coronavirus, e raccogliere i lusinghieri dati trasmessi da Unieuro fa almeno pensare che il Gruppo avrà la forza di sostenere i propri collaboratori quando – una volta finita la pandemia – affioreranno drammaticamente i problemi economici.
Unieuro registra una crescita del 16,2% per ricavi pari a 2.445 milioni di euro (con l’acquisizione in Sicilia che ha segnato +6,5%); l’online “pesa” per 300 milioni di euro (+23,6%).
Ha dichiarato Giancarlo Nicosanti Monterastelli, amministratore delegato di Unieuro:”Unieuro ha chiuso l’esercizio ancora una volta all’insegna di una forte e sana espansione, con tutti i canali in crescita a doppia cifra e un fatturato a livelli record, che ha permesso alla Società di rimarcare la netta leadership di settore”.
Il rapido e inatteso diffondersi dell’epidemia da Coronavirus ci ha imposto negli ultimi giorni scelte inedite e coraggiose, come la chiusura temporanea dei negozi diretti a tutela della salute di clienti e collaboratori, nonché l’adozione di una serie di misure atte a preservare la solidità economico-finanziaria del business.
Ma Unieuro non si ferma. La spiccata multicanalità che per primi abbiamo adottato e che ci rende tuttora unici nel panorama italiano ci sta ampiamente ripagando. Le piattaforme di e-commerce unieuro.it e monclick.it sono più che mai attive e performanti. La maggior parte degli affiliati, soprattutto al sud, ha mantenuto operativi i punti vendita. E ancora, il canale B2B prosegue nel servizio ai grandi clienti con cui da sempre si interfaccia.
La situazione è obiettivamente difficile e senza precedenti, ma facendo leva sulla continuità di una supply chain sempre all’altezza, sulla tenacia  e sul talento delle nostre persone, nonché su risorse finanziarie adeguate, sapremo superare l’emergenza rafforzando la nostra leadership e cogliendo nuove opportunità”.
QUI il documento integrale.