Olimpia Splendid – Il trade-partner per tutto l’anno

Roberta Vanni, responsabile marketing di Olimpia Splendid
Roberta Vanni, responsabile marketing di Olimpia Splendid

L’offerta sempre più ampia di prodotti per l’home comfort a trecentosessanta gradi ha permesso a Olimpia Splendid di crescere in Italia e sui mercati esteri in diversi segmenti.
Gli apparecchi dell’azienda si distinguono per performance di alto livello, sicurezza, efficienza energetica e un raffinato gusto estetico italiano. Roberta Vanni, Responsabile Marketing della società, racconta la visione di questo brand sinonimo di qualità e made-in-Italy, che ha saputo dare un segnale forte all’insegna della destagionalizzazione del settore Clima.

Come si è chiuso il 2019 per Olimpia Splendid?
Il 2019 è stato un anno positivo, sotto vari punti di vista. Siamo cresciuti in più segmenti e, soprattutto, ci siamo confermati un brand sempre più destagionalizzato, trade-partner tutto l’anno sia per qualità dei prodotti che di servizio. Un risultato, quest’ultimo non scontato, considerando che Olimpia Splendid ha una notorietà ancora fortemente legata al clima, che rimane il nostro core-business ma non l’unico. Secondo gli ultimi dati forniti da GFK nel 2019 siamo stati infatti il primo brand anche nel mercato degli umidificatori, il secondo in quello degli aroma diffusori e il terzo nei deumidificatori, con una quota a valore complessiva nel settore del trattamento aria pari al 14%. Interessante è la nostra presenza anche nel campo del riscaldamento: sommando i dati relativi a termoventilatori, alogene, radiatori e convettori scopriamo uno scenario complesso, dove i primi 3 top player e i trade brand coprono, da soli, il 73% del mercato. Però anche qui, nella porzione in cui possiamo competere, ci confermiamo i primi, con una quota complessiva pari al 10%.

Quali prodotti hanno registrato le performance migliori?
Tutti i prodotti destinati alla climatizzazione sono cresciuti, sia a volume che a valore. Oltre a Unico, il climatizzatore senza unità esterna su cui godiamo di una leadership indiscussa, abbiamo rafforzato il nostro primo posto nel segmento portatili, con il 25% di quota a valore. Sono andati molto bene anche gli split: un mercato molto articolato e competitivo dove però, se escludiamo i primi 3 top player e i trade brand che coprono da soli il 76% del mercato, siamo il primo marchio di climatizzatori fissi in Italia “alternativo” a questi. Ci stanno dando molta soddisfazione anche i deumidificatori: una gamma di prodotti che abbiamo rinnovato nel 2019 e che è stata apprezzata sia dal retail che dai consumatori.

Descriviamo i plus dei vostri best-seller.
Unico, il climatizzatore senza unità esterna, rimane il nostro prodotto-eroe, quello con cui il mercato ci identifica. È un prodotto con una USP (unique selling proposition) molto forte per un segmento di mercato ben preciso, che però – negli anni – si sta ampliando. Grazie a un design italiano, slim ed essenziale nelle forme, oggi Unico è il climatizzatore scelto non solo da chi non può installare l’unità esterna, per vincoli architettonici, ma anche da chi non la vuole, perché desidera una casa fresca, bella fuori e bella dentro. Tecnologia e design italiano sono i tratti distintivi anche di un’altra gamma di prodotti che ci vede eccellere nel mercato: i climatizzatori portatili Dolceclima. È una gamma completa, che soddisfa tutte le fasce di potenza e i diversi gusti estetici, seppur all’interno di uno stile riconoscibile. Gode inoltre di un’innovazione assoluta, frutto del lavoro del nostro reparto R&D, che consente di migliorare la diffusione dell’aria all’interno dell’ambiente. Ma Olimpia Splendid oggi non è più solo un marchio di climatizzatori. Da tempo ci stiamo affermando con successo anche in altri settori dell’home comfort, come il trattamento dell’aria, dove la gamma di deumidificatori Aquaria ci sta dando sempre più soddisfazioni. Per realizzarla abbiamo studiato quando e dove viene utilizzato un deumidificatore dentro casa e proposto soluzioni che soddisfano sotto vari punti di vista: estetiche compatte che ben si adattano agli spazi e funzionalità multiple.

Quali sono stati i canali distributivi che hanno veicolato meglio i vostri prodotti?
Nel 2019 il canale tradizionale ha performato molto bene, soprattutto nel segmento dell’electrical chain. Il mondo dell’e-commerce però è sempre più in crescita e si presta per testare nuove forme di vendita. Ne è un esempio il progetto pilota lanciato a giugno 2019 con ePrice. Grazie a loro abbiamo avuto l’opportunità di rompere gli schemi del “business as usual”, proponendo un nostro climatizzatore portatile Dolceclima con la formula pay-per-use. Una diversa modalità di consumo, più sostenibile perché basata sul riutilizzo del prodotto, che potrebbe avvicinare alla climatizzazione clienti nuovi, che mai penserebbero ad un acquisto.

Cosa vorreste cambiare nelle attuali dinamiche distributive dei prodotti?
Vorremmo superare i limiti propri di un’offerta stagionale. Oggi Olimpia Splendid ha i numeri per proporsi al retail come un partner da scegliere tutto l’anno, come un brand da proporre alla propria clientela in primavera, in estate, autunno e inverno, dando continuità all’offerta e aumentandone il valore. Superare i limiti della stagionalità significa però riuscire anche a supportare il sell-out con addetti alla vendita formati, che conoscono bene il brand e il prodotto e sono in grado di trasferire le conoscenze al consumatore per guidarlo nella scelta. Per questo investiamo ogni anno nella formazione del trade, che rimane per noi un’attività cruciale.

Come descrivereste Olimpia Splendid oggi e quali fasi della sua storia l’hanno resa l’azienda che è diventata?
Oggi Olimpia Splendid è un’azienda che propone soluzioni per il comfort di casa a ciclo annuale. Non più solo climatizzazione estiva: il retail che sceglie Olimpia Splendid può proporre, in ogni stagione, un marchio che è sempre più sinonimo di una casa confortevole, bella, sana e sicura. Un risultato a cui siamo arrivati anno dopo anno, introducendo sul mercato piccole e grandi novità dal punto di vista della tecnologia e del design applicati alla climatizzazione, al riscaldamento e al trattamento dell’aria. Tra le tappe più importanti di questo percorso dobbiamo citare sicuramente il lancio del climatizzatore senza unità esterna Unico, avvenuto nel 1999: un prodotto che nella sua storia ha saputo rinnovarsi per assecondare le nuove richieste del mercato, arrivando nel 2015 a proporsi in una nuova forma slim e dalle linee essenziali, grazie alla firma di una giovane designer italiana. Nel panorama della climatizzazione sono state novità importanti anche l’introduzione della Blue Air Technology sulla gamma di portatili Dolceclima (una tecnologia innovativa che, dal 2009, ha migliorato il comfort percepito in ambiente), l’ampliamento del catalogo con l’introduzione nel 2017 dei nostri primi raffrescatori evaporativi Pelèr, la connettività di tutti i climatizzatori fissi raggiunta nel 2018 e la conversione ai gas refrigeranti a minor impatto ambientale iniziata nel 2019. Ma, come già detto, Olimpia Splendid è un marchio che ha scritto un pezzo di storia anche nel mercato del riscaldamento e del trattamento aria. Due esempi fra tanti: nel 2010 il Good Design Award, che è uno dei più storici e prestigiosi premi internazionali di design industriale, è stato assegnato proprio a uno dei nostri deumidificatori Aquaria, disegnato da Ercoli+Garlandini; uno studio italiano con cui abbiamo proseguito la collaborazione, lanciando nel 2014 un altro prodotto di successo: i termoventilatori Fluo che, grazie alle tinte shock e fluorescenti, hanno saputo trasformare un prodotto per il riscaldamento elettrico in un elemento d’arredo.

Quali sono le gamme e i segmenti di prodotto presenti nel vostro catalogo?
Sono circa 20 le famiglie di prodotti presenti nel nostro catalogo. Di queste, solo 4 appartengono al mondo della climatizzazione: i climatizzatori fissi, con e senza unità esterna, i portatili e i raffrescatori. La nostra gamma di prodotti per il riscaldamento è infatti molto ampia: termoventilatori (ad aghi e ceramici), stufe (a infrarossi, a gas e a pellet), radiatori e convettori. E completa è anche la gamma destinata al trattamento aria: si va dai prodotti per assicurare la giusta umidità nell’aria (deumidificatori e umidificatori), alle soluzioni per la purificazione e l’aroma diffusione. Non si rivolge al mondo retail, ma è una parte importante del nostro business anche il mondo dei sistemi integrati: la testimonianza che Olimpia Splendid è un marchio per il comfort climatico di tutto l’anno arriva anche dalla nostra produzione italiana di fancoil e pompe di calore.

Avete in programma nuovi lanci per il 2020?
Anche quest’anno proporremo delle novità coerenti con i nostri driver più importanti nello sviluppo prodotti, ovvero la tecnologia e il design italiano. Per l’estate 2020 proporremo una gamma di raffrescatori Pelèr rinnovata, sia dal punto di vista dell’estetica che delle performance, con un occhio al tema dell’Indoor Air Quality. Ed estenderemo l’offerta di connettività già presente sui climatizzatori fissi anche ai portatili Dolceclima Air Pro. Per la seconda metà dell’anno stiamo lavorando invece sulla linea di deumidificatori. Anche qui il design dei nuovi prodotti porterà una firma italiana, il trattamento dell’aria sarà sempre più completo e ci sarà un’evoluzione tecnologica all’insegna dell’IoT.

Come ritenete si evolverà il settore della Climatizzazione nei prossimi anni, in merito alle tendenze di prodotto, alle nuove tecnologie e ai futuri sviluppi della politica energetica europea?
Grazie soprattutto all’arrivo degli assistenti vocali di Google e Amazon, le case oggi sono sempre più intelligenti e gli oggetti connessi ai nostri smartphone. Questo è senza dubbio un trend in crescita che già influenza e continuerà a influenzare le innovazioni di prodotto nel mondo della climatizzazione e dell’home comfort in generale. Un altro driver importante è il tema dell’efficienza e della sostenibilità ambientale: l’introduzione dei nuovi gas refrigeranti a basso impatto è sicuramente un primo passo, ma la vera sfida per noi aziende produttrici sarà quella di avvicinare sempre più allo zero l’impatto di questi prodotti lungo tutto il loro ciclo di vita, recuperando ciò che è possibile per conferirgli nuova vita. Infine, ma non meno cruciale, è il fattore IAQ (Indoor air quality). Siamo la generazione che passa più tempo all’interno di ambienti chiusi e la qualità dell’aria che respiriamo in casa, in ufficio o a scuola influenza la nostra salute molto più dello smog cittadino. I prodotti che trattano l’aria degli spazi in cui viviamo devono quindi essere sempre più multifunzionali e occuparsi non solo di raffrescamento, riscaldamento e deumidificazione ma anche di rendere l’ambiente più salubre.

Credete che la qualità dell’aria sia un elemento che un buon climatizzatore può davvero migliorare?
I climatizzatori trattano l’aria e dunque, grazie a sistemi di filtrazione sempre più sofisticati (HEPA, carboni attivi, antipolvere etc.), possono aiutare a ridurre la concentrazione di polveri sottili e altre sostanze inquinanti all’interno della casa. È però importante che questi filtri vengano puliti regolarmente e che l’accensione del climatizzatore non si sostituisca alle buone abitudini quotidiane. Pulire e far prendere aria ai tappeti, non fumare al chiuso e limitare l’uso di candele, preferire panni in microfibra e sostanze naturali per le pulizie domestiche, far prendere aria agli abiti ritirati in lavanderia prima di riporli nell’armadio sono solo alcuni esempi di piccoli gesti che possono migliorare la qualità dell’aria nelle nostre case.

Che opinione avete, invece, del ruolo del design negli apparecchi del vostro settore sia in termini estetici sia funzionali?
Il design è per noi un driver fondamentale nello sviluppo dei prodotti per l’home comfort ed è uno dei fattori che il mercato ci riconosce, collaborando da tempo sia con designer italiani emergenti sia con firme prestigiose. Per noi il design è funzionale al miglior utilizzo dei prodotti che, per essere davvero confortevoli, devono essere pratici e assecondare i comportamenti quotidiani. Oggi il design è però anche pura ricerca estetica, perché è cambiato il modo di utilizzare questi prodotti. Se fino a qualche anno fa, il deumidificatore si usava solo in inverno, per asciugare il bucato in lavanderia nei mesi più freddi, oggi è un prodotto presente in casa tutto l’anno. Lo stesso dicasi per i climatizzatori che, grazie alla pompa di calore, sono utili anche nelle stagioni intermedie in cui il riscaldamento tradizionale non è ancora in funzione. Prodotti sempre più presenti in casa diventano inevitabilmente elementi d’arredo e dunque devono sottostare alle stesse logiche di questi ultimi.

Come realtà imprenditoriale italiana, sentite la “responsabilità” di essere testimonial del made-in-Italy?
Sì e i nostri valori ne sono l’espressione. Made in Italy è sinonimo di design, ecco perché scegliamo sempre firme italiane per il disegno dei nostri prodotti, collaborando sia con le giovani promesse sia con gli studi più prestigiosi come quello di Matteo Thun. È uno dei tanti modi con cui ci trasformiamo in ambasciatori del talento italiano non solo nel nostro Paese, ma anche e soprattutto all’estero, dove siamo presenti e apprezzati proprio grazie all’italianità dei nostri prodotti. Un’origine che ci impegniamo a legare sempre di più a caratteristiche di alta qualità, non solo estetiche ma anche tecnologiche.

In quali mercati esteri siete presenti?
Nel 2019, grazie all’acquisizione di un nostro importante distributore locale, abbiamo aperto a Melbourne la sesta filiale estera che si occuperà della commercializzazione dei prodotti Olimpia Splendid in Australia e Nuova Zelanda. Questa si affianca a quelle già avviate da tempo in Spagna e Francia, a quelle oltreoceano negli Stati Uniti e in Brasile e alla nostra trading subsidiary cinese. Oltre ai Paesi in cui siamo presenti direttamente, esportiamo in oltre 50 nazioni in tutto il mondo.

Cosa si aspetta un cliente straniero da un climatizzatore progettato in Italia?
Alta qualità, sia estetica che tecnologica. Siamo un Paese che ha un forte know-how in tema di home comfort e le nostre case e le strutture ricettive che ospitano ogni anno milioni di turisti da tutto il mondo ne sono la testimonianza. Acquistare un climatizzatore o un prodotto per il riscaldamento e il trattamento dell’aria italiano è quindi un po’ come acquistare quella piacevole sensazione di benessere che si vive in una casa italiana.

Quali attese avete per il vostro business nel prossimo anno?
Rafforzare il posizionamento già raggiunto nel 2019 come partner autorevole per il nostro trade, tutto l’anno. Abbiamo dato prova di come oggi Olimpia Splendid sia un brand destagionalizzato, con quote di mercato importanti sia nella climatizzazione che nel riscaldamento e nel trattamento aria. L’obiettivo sarà proseguire in questo percorso, per fare in modo che il nostro catalogo venga proposto al mercato in tutta la sua ricchezza.