Paga ridotta per i lavoratori Galimberti/Euronics

Il presidio di ieri dei dipendenti Euronics/Galimberti davanti al Tribunale di Milano. Foto: pagina facebook di Filcams CGIL Milano
Il presidio dei dipendenti Euronics/Galimberti davanti al Tribunale di Milano. Foto: pagina facebook di Filcams CGIL Milano

Dopo che il Tribunale di Milano ha dichiarato a metà gennaio insolvente il Gruppo Galimberti/Euronics, i sindacati sono in attesa di una risposta da parte del commissario straordinario per capire se la società è in grado di restare sul mercato e di dare continuità lavorativa a tutti i suoi 250 dipendenti.

Questo uno dei crucci dei lavoratori a cui si aggiunge il fatto che nel frattempo hanno ricevuto solo una parte dello stipendio di gennaio e sono ancora in attesa dei ratei di tredicesima e quattordicesima degli ultimi due anni.

«Il disinteresse dimostrato verso lavoratori e lavoratrici da parte della proprietà è inquietante», hanno dichiarato Mario Colleoni e Danilo D’Agostino della Filcams Cgil Lombardia e Milano, che hanno chiesto un’audizione urgente in Regione Lombardia per «avere risposte che non siano sempre di natura emergenziale».