GfK – Cresce la fascia premium del mercato

Fabrizio Marazzi, Head of Market Insights di GfK Italia
Fabrizio Marazzi, Head of Market Insights di GfK Italia

Nel periodo tra gennaio e agosto 2019 le vendite a valore delle tecnologie di consumo hanno evidenziato, secondo quanto rilevato da GfK, una leggera flessione dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, totalizzando un fatturato complessivo di 8,8 miliardi di euro.
«Nel dettaglio – afferma Fabrizio Marazzi, Head of Market Insights di GfK Italia – il sell-out è stato negativo per l’Audio-Video (-6,4%), la Fotografia (-9%), l’Information Technology (-0,8%) e la Telefonia (-3,2%)».
Il periodo in questione, però, è stato decisamente positivo per gli elettrodomestici.
«Sia i grandi sia i piccoli apparecchi – conferma a questo proposito Marazzi – hanno registrato buone performance, mettendo a segno una crescita a valore rispettivamente del 2,2% e del 7,6%. Un andamento molto dinamico si evidenzia anche per l’Home Comfort (climatizzazione e il trattamento dell’aria) che ha registrato un +46% rispetto ai primi otto mesi del 2018».
Tra le tendenze più evidenti spicca la scelta dei consumatori sempre più orientata a prodotti di fascia premium. Anche le soluzioni “eco sostenibili” sono sempre più apprezzate.
«Per quanto riguarda il grande elettrodomestico – spiega Marazzi – continua la crescita delle asciugatrici (+21%), ma si evidenziano incrementi anche per i frigoriferi e le lavastoviglie, entrambi con un valore in aumento del 3% oltre ai piani cottura (+7%). Tendenza generale per tutti i segmenti del grande elettrodomestico è senza dubbio la crescita della fascia alta del mercato, soprattutto per quanto riguarda apparecchi evoluti, connessi e sostenibili, caratteristiche spesso ricercate anche nei prodotti del Ped. Lavatrici e asciugatrici smart e con grande capacità di carico; forni auto-pulenti (pirolitici, catalitici, idrolitici) e con cottura a vapore; frigoriferi connessi a tre o più porte registrano i trend più dinamici. Anche i piani a induzione hanno chiuso in positivo i primi otto mesi dell’anno (+30%), arrivando a rappresentare quasi il 39% del fatturato del comparto».
Analizzando i dati del Ped, l’innovazione si conferma il principale driver.
«Tra i piccoli eldom – dichiara Fabrizio Marazzi – l’andamento è positivo per tutte le tre macro-aree: si registra infatti un +15% per i prodotti dell’Home Care, un +1% per gli apparecchi per la cucina e un +3% per quelli dell’area Personal Care. I best-seller dei primi otto mesi dell’anno sono stati gli aspirapolvere ricaricabili e i robot, le macchine per caffè porzionate e superautomatiche oltre i prodotti per l’hair-style più evoluti».
Come anticipato, l’Audio-Video ha registrato un trend negativo, nonostante le buone performance dei televisori ad alto polliciaggio (i modelli sopra i 60 pollici crescono addirittura del 40%) e più evoluti, come gli ultra HD che crescono del 4,1% e l’Oled. L’intero comparto TV mostra, però, una flessione complessiva del 5,9% a valore.
«Sul totale delle vendite dei technical consumer good – precisa, infine, Marazzi – il canale online cresce del +14,4% a valore, rappresentando il 16% del totale del fatturato sviluppato».