Presente e futuro dei TV OLED, secondo LG

LG Alessandro Zearo
Alessandro Zearo, Marketing Manager Home Entertainment di LG

LG è l’azienda che più di ogni altra lega il suo nome al mercato dei TV OLED. Si può dire che abbia creato questo segmento, cui recentemente si sono aggiunti nuovi player. Per comprendere quali siano gli aspetti peculiari dei TV OLED del 2019 e le prospettive future abbiamo parlato con Alessandro Zearo, Marketing Manager Home Entertainment di LG.

Il mercato dei TV OLED vi vede protagonisti da sempre. Siete i produttori dei TV e dei pannelli, che fornite anche ad altri. Come si distinguono due TV OLED nel 2019?
In effetti, oltre a LG oggi ci sono altri brand che sono entrati in questo segmento e ci stanno aiutando a far crescere il mercato. La tecnologia è quella del pannello LG Display che montano praticamente tutti, e ovviamente anche noi. La differenza è data da tutta la parte di tecnologia che va oltre il pannello, per cui il processore, la piattaforma smart, il design. Ci sono diversi punti di differenziazione tra i brand anche quando il pannello OLED li accomuna.

Oggi come si valorizza un OLED? Bisogna puntare sempre e solo sulla qualità d’immagine?
Sicuramente una forte componente resta la qualità d’immagine, ma ci teniamo a sottolineare che l’OLED non è solo un pannello bensì un TV completo; ormai la qualità d’immagine è data per scontata quando si parla di OLED, dal nero perfetto al contrasto infinito.

Quindi quali sono le leve che differenziano due prodotti e vanno messe in mostra?
Ci sono diversi elementi. Innanzitutto, nel nostro caso un processore che permette non solo una qualità d’immagine impeccabile ma anche funzionalità che migliorano l’esperienza audiovisiva del consumatore, come per esempio l’AI Brightness: il TV ha un sensore che identifica il livello di luminosità della sala e automaticamente regola i contrasti dell’immagine così da renderla perfetta per quella condizione ambientale. Questo si aggiunge ad AI Sound e AI Picture, cioè alla possibilità del processore di gestire i contenuti in ingresso identificandoli e migliorandoli sulla base delle loro caratteristiche.

Le funzioni smart sono ancora determinanti?
L’altro aspetto molto importante è proprio la Smart TV, considerato che ormai tutti la usiamo: posso avere il TV migliore del mondo, ma se ho difficoltà ad accedere alle App o se i tempi di caricamento della piattaforma smart sono lunghi, questo fa la differenza. Oggi tutte le TV sono smart, ma è “come” lo sono a fare la differenza, poiché da questo dipende l’esperienza dell’utente.

Parliamo un attimo di futuro: quali sono i trend in atto e cosa succederà da qui a qualche anno?
Nel mondo dell’OLED riusciamo ad anticipare un po’ il futuro osservando ciò che LG Display ci fornisce per il mercato B2B, che poi viene declinato anche per il mondo consumer. Possiamo già notare due o tre fattori interessanti: l’OLED trasparente è una tendenza che è già stata lanciata sul mercato B2B anche in Italia, e poi il fatto che i nostri pannelli possono essere flessibili, ovvero arrotolabili. Al momento abbiamo lanciato un TV, un 65” della Serie R e da questo immagino ci possa essere tutta una serie di sviluppi e Serie dedicate. Poi c’è l’8K: al momento il mercato è un po’ acerbo, soprattutto in termini di contenuti, ma nei prossimi anni sarà un tema di grande rilevanza.