La comunicazione degli e-tailer

La comunicazione degli e-tailer
freepik

Non ci sono solo le catene fisiche. Anche gli e-tailer puri, come Amazon o ePrice, investono in comunicazione. In linea di massima il loro messaggio è articolato intorno a due elementi: da una parte l’ampiezza dell’offerta (non a caso gli spot di Amazon si concludono con il pay off “Tutto quello di cui hai bisogno, dalla A alla Zeta”) e dall’altra l’efficienza del servizio. Il tono tende a essere leggero, ironico, divertente. Per esempio la campagna pianificata da ePrice nell’autunno 2018 per il Back to school presenta il ritorno a scuola dei figli come un ritorno alla libertà per i genitori, che possono finalmente tornare a dedicarsi alle proprie passioni. Non solo: vi è un marcato orientamento allo storytelling. Vengono, cioè, raccontate delle storie dalle quali gli spettatori possono essere coinvolti e nelle quali possono riconoscersi. È, questo, un approccio che consente di creare una relazione più emozionale, “calda” con i clienti. E, in tal modo, sopperire a quella distanza, quella impersonalità che è, in certa misura, insita nell’e-commerce.