L’offerta Smartwares continua ad ampliarsi

Paolo Galbiati, country manager Italy di Smartwares
Paolo Galbiati, country manager Italy di Smartwares

Smartwares Group spicca nel panorama del piccolo elettrodomestico, del safety, del lighting e delle telecomunicazioni per l’offerta vastissima. Con sei cataloghi e diversi marchi di proprietà, la casa madre olandese è strutturata per seguire ogni fase della produzione ed è in grado di garantire un’elevata qualità e la massima sicurezza dei prodotti, mantenendo un rapporto qualità-prezzo particolarmente interessante. Design curato, innovazione tecnologica e un efficiente servizio post-vendita caratterizzano il mix vincente dell’azienda, presente in Italia in diversi canali distributivi.
Tutte le famiglie merceologiche sono seguite step by step, della progettazione e produzione, da un category manager che ne cura nel dettaglio ogni aspetto, al fine di garantire qualità, affidabilità e sostenibilità. Il gruppo ha infatti ottenuto diverse certificazioni tra le più rigorose del settore, che attestano che ogni processo viene eseguito secondo i più elevati standard.
Ciò permette a Smartwares di offrire anche un servizio post-vendita totalmente a suo carico, avendo un failure rate davvero basso.
Come sottolinea Paolo Galbiati, country manager Italy, le gamme e il raggio d’azione del Gruppo sono così ampi da essere scambiato spesso per grossista pur non essendolo.
«Abbiamo un’offerta così vasta – spiega a tal proposito Galbiati – che spesso il trade ci crede distributori, ma noi siamo produttori e proprietari al 100% di tutti i nostri marchi. Non distribuiamo nessun marchio di terzi».
Nell’intervista che segue il manager parla delle novità di prodotto e delle strategie messe in atto quest’anno sul mercato italiano.

Iniziamo dalla vostra filosofia di Gruppo: “La qualità non dovrebbe essere un lusso”. Come si concretizza questa mission?
È esattamente la nostra filosofia: il nostro obiettivo come company è quello di proporre ai consumatori finali prodotti che abbiano un rapporto qualità-prezzo estremamente elevato. Prestiamo la massima attenzione alla qualità, con prodotti controllati e certificati sia in fase di produzione sia di pre-spedizione. Per questo, abbiamo un ufficio quality interno che effettua controlli preventivi sulla produzione prima ancora che il prodotto venga inserito tra i nostri prospect item. Possiamo quindi garantire assoluta affidabilità. La policy aziendale è quella di mantenere strutture e costi contenuti per essere il più competitivi possibile, pur mantenendo sempre standard elevati e innovazione tecnologica. Molti dei nostri prodotti sono certificati GS, una certificazione che si basa su criteri molto severi e che viene usata spesso in mercati particolarmente esigenti e attenti come la Germania, dove è richiesto un livello di qualità davvero superiore.

Come si articola attualmente la vostra offerta in Italia?
Abbiamo numerose famiglie merceologiche e siamo in grado di presentare spesso numerose novità in tutti i segmenti che trattiamo, che vanno dai piccoli apparecchi per la ventilazione e il riscaldamento, ai prodotti per la personal care, alla cura della casa, alla cucina e molto altro ancora.
Con i brand Princess e Tristar firmiamo i nostri piccoli elettrodomestici, ma abbiamo diversi altri brand con i quali siamo presenti in altre categorie. Con il marchio Smartwares, per esempio, che riprende il nostro company name, sviluppiamo prodotti per la sicurezza e l’illuminazione.
Seguendo le esigenze del mercato, abbiamo recentemente sviluppato diverse soluzioni smart, controllabili da remoto tramite App. Tra queste, spicca un ventilatore a colonna Princess, gestibile attraverso smartphone o tablet.

Attraverso quali canali siete presenti nella distribuzione nazionale?
Per quanto riguarda il mercato italiano, stiamo ancora espandendo la distribuzione. Al momento siamo presenti sia nelle catene di elettrodomestici sia in quelle generaliste e alimentari e ci stiamo proponendo con i prodotti safety & lighting nei canali del Fai da te. Recentemente siamo entrati con un nostro prodotto anche nel catalogo Fidaty di Esselunga, una presenza significativa, che ribadisce il livello qualitativo dei nostri prodotti.

Siete attivi anche sui canali online?
Sì, siamo presenti su Amazon da diverso tempo. Anni fa, infatti, i prodotti Smartwares venivano distribuiti in maniera diversa dagli altri e Amazon era già nostro partner. Prima del 2016, il brand Smartwares veniva commercializzato attraverso una struttura parallela, chiamata Safety&Lighting, mentre gli altri prodotti e marchi erano distribuiti da Tristar. Dal 2016 l’azienda ha deciso di formare una sola divisione commerciale. Così in un primo tempo Tristar ha inglobato tutti i cataloghi dei prodotti per la sicurezza e l’illuminazione e successivamente ha cambiato ragione sociale da Tristar Italia Srl a Smartwares Group Italy. Questo passaggio ha ovviamente determinato anche un’evoluzione del business in Italia, che inserendo nell’offerta i prodotti dei segmenti safety e lighting si sta ora espandendo verso il canale Fai da te, più adatto dell’eldom a veicolare questo tipo di articoli.

Avete strategie distributive differenziate in base ai diversi brand del vostro portafoglio?
I nostri due marchi principali per il settore del piccolo elettrodomestico sono Princess e Tristar. La nostra strategia mira a presidiare due fasce di prezzo distinte: una più economica, rappresentata da Tristar e una più elevata, presidiata da Princess. Il primo dei due brand propone prodotti più essenziali per rispondere alla concorrenza più aggressiva del mercato; Princess, invece, è il brand dell’innovazione, del design evoluto e delle caratteristiche alto-performanti. Su quest’ultimo marchio investiremo maggiormente in innovazione.

In quali segmenti del Ped siete maggiormente presenti?
La nostra offerta spazia in tutti i segmenti del piccolo elettrodomestico. I cataloghi Tristar e Princess sono complementari, salvo che per alcuni prodotti che presenta solo Tristar, come quelli per la cura della persona e dello stiro. Entrambi i brand poi offrono articoli per l’aspirazione la ventilazione, la preparazione dei cibi, la colazione e vari prodotti particolari come le raclette o le piastre di cottura.
Per quanto riguarda l’aspirazione, abbiamo introdotto nuovi prodotti molto performanti, che rispondono alle ultime tendenze del mercato, come aspirapolvere cordless ricaricabili, con caratteristiche elevate, motore digitale, spazzola robotica, batteria di lunga durata, ma sempre con un posizionamento economico.

Come fate a far percepire la qualità dei vostri prodotti ai consumatori?
Siamo molto attenti a valorizzare i nostri articoli direttamente sul punto vendita, quando il retail ce lo permette. Solitamente forniamo al trade diversi materiali di marketing per supportare le vendite, come espositori, totem o altri strumenti che mettano in luce le caratteristiche delle nostre gamme.

In un piccolo elettrodomestico è ormai imprescindibile un design curato e accattivante. Quali sono gli elementi caratterizzanti dell’estetica e dell’ergonomia dei vostri prodotti?
Il design è uno degli elementi distintivi delle gamme Princess, che curiamo molto sia nelle prestazioni sia nell’estetica. Il nostro focus è quello di arricchire l’offerta con prodotti che si distinguano per un design esclusivo. Basti pensare che per diversi articoli siamo proprietari anche degli stampi.

Come gestite le attività post-vendita?
Per noi è fondamentale che i nostri clienti non si preoccupino in alcun modo dell’after sales. Per questo, la nostra azienda lo gestisce direttamente con due metodi paralleli, che si possono interscambiare: sostituiamo il prodotto non funzionante con uno nuovo e facciamo una nota di credito al venditore. Disponiamo poi di un sito Internet dedicato ai consumatori finali, attraverso il quale, in caso di malfunzionamento accertato del prodotto, si può ottenere la sostituzione direttamente a casa propria, con spese totalmente a nostro carico.
Del resto il failure rate dei nostri prodotti non supera l’1-2%, quindi siamo perfettamente in grado di sostenere i costi per offrire questo tipo di servizio.

 

Leggi l’intervista completa sul numero di luglio della rivista