NEATO, l’Italia è un mercato denso di opportunità

Hakim Mazili, Country Manager per l’Italia e Svizzera di Neato

Un mercato che in Italia rappresenta appena il 5% (si vendono appena 150 mila robot all’anno), significa grandi opportunità. Neato Robotics, made in Silicon Valley che produce robot dal 2005 e da circa dieci anni è sbarcata in Europa, oggi in Italia è al secondo posto come penetrazione. Hakim Mazili, nuovo Country Manager per l’Italia e Svizzera, dopo tredici anni nella telefonia, è subentrato nel ruolo di Luca Garib Penna (ora Head of Amazon Sales EMEA a Neato).
“Il nostro compito è di convincere il consumatore dell’utilità dell’utilizzo di un robot per le pulizie di casa. Dobbiamo anche saper chiarire che noi siamo produttori “verticali”, specializzati: i nostri prodotti non hanno nulla a che vedere con le proposte new entry”, dice Mazili.
La fascia di prezzo medio-alto è un ostacolo? “Certo, ma va superato come avvenuto con la telefonia. Tutto dipende dallo sviluppo di questo mercato. Perché la barriera del prezzo può essere superata senza minimamente penalizzare l’evoluzione tecnologica”.
Per voi il negozio fisico è importante? “Certo, posso ufficializzare che abbiamo fatto un ottimo accordo con Euronics/Bruno. E ne svilupperemo altri. La nostra attività è attualmente il contrario di quel che accade: 70% e-commerce, 30% fisico. Vogliamo riequilibrare questo rapporto, ma siamo consapevoli che i due canali devono saper collaborare fra loro”.
Come pensate di far breccia nel nostro paese? “Anche proponendo soluzioni ad hoc per il “pet”: ogni dieci famiglie, quattro sono proprietarie di cani o gatti. Riteniamo che questo possa essere un ottimo argomento di marketing.