Cyberbullismo: Euronics in piazza Duomo a Milano

bullismo
Designed by Freepik

Un’insegna come Euronics, che vende tecnologia, non può rimanere indifferente al tema del cyberbullismo ed è per questo motivo che ha affiancato la Polizia Postale e delle Comunicazioni nel progetto “Una vita da social”, che prevede un truck itinerante con all’interno un’aula didattica per sensibilizzare i più giovani sulle insidie della Rete.

L’iniziativa, sostenuta dal Miur e dal Garante per l’infanzia e per l’adolescenza, ha fatto tappa oggi a Milano, una delle città attive nella trasformazione digitale e sede della più numerosa comunità di imprese e soggetti 2.0 d’Italia.

Accanto agli agenti, i referenti dell’insegna hanno sensibilizzato i ragazzi delle scuole medie e superiori cittadine sui rischi e sui pericoli della Rete.

«Internet e i social sono strumenti irrinunciabili e ricchi di opportunità per i giovani, ma è altrettanto importante conoscere i pericoli che si possono nascondere online e sapere come evitarli», ha dichiarato Emanuela Formicola, Marketing Manager di Euronics Italia, ricordando rischi come il ransomware o la violazione della privacy nelle attività online fino ai veri e propri cybercrime.

«L’insegna ha dedicato un’area del suo sito web e realizzato molti contenuti sul canale social per fornire agli utenti strumenti che servono per evitare le insidie che si nascondono in rete – sottolinea il Team Digital Marketing di Euronics – È essenziale spiegare ai ragazzi come possono mettersi al sicuro nel mondo virtuale, con l’aiuto di regole e comportamenti accorti, per vivere internet come una ricchezza da sfruttare e uno spazio da esplorare
in libertà».

Nella direzione delle attività di sensibilizzazione si inserisce la recente decisione dell’insegna di produrre, in collaborazione con Polizia Postale, una serie di shopper nei quali sono riportati alcuni consigli per aiutare gli utenti a utilizzare il web senza imprevisti.