Timbro io faccio di piùUn titolo così può apparire un po’ arrogante. Di questi tempi, poi, dove l’autopromozione sembra contare più della realtà: importante è dire che si è fatto, piuttosto che fare realmente. Il bombardamento social “fabbricherà” il resto (ma anche l’autoreferenzialità sul posto di lavoro…).
Ma questo non è ovviamente lo stile del nostro Gruppo editoriale. Tecniche Nuove ha coniato questo bollino virtuale, con impresso appunto “Io faccio di più”, per trasmettere un segnale forte al variegato mondo produttivo al quale si rivolge: non c’è più tempo a disposizione in tema di sostenibilità ambientale. E allora, per fornire un piccolo contributo di sensibilizzazione, ha deciso di porre alle aziende questa domanda: “Tu cosa fai di più?”. Con lo scopo di individuare strumenti, metodi e comportamenti che siano rispettosi per l’ambiente.
Un tema molto presente nel mondo produttivo in virtù dell’apparato normativo europeo e nazionale (che impone regole, certificazioni…). Ma non è sufficiente. L’emergenza ambientale siamo noi e dobbiamo sviluppare iniziative a salvaguardia dell’umanità che non nascano esclusivamente da vincoli legislativi, ma da una visione etica e culturale rispettosa dell’ambiente che diventi sistema.
I lettori, sfogliando le nostre riviste, troveranno – speriamo sempre più copiosamente – contenuti contrassegnati dal nostro bollino verde: ciò starà a significare che si tratta di contenuti che illustrano come operano le aziende per ridurre l’impatto ambientale della propria attività.
Già in queste pagine, ma lascio a voi il piacere della sorpresa, troverete testimonianze sui materiali “verdi” utilizzati – riciclabili spesso durante lo stesso processo -, sull’approccio ad una progettazione sostenibile, best practices per ridurre gli sprechi ma anche per investire in termini etici sulle risorse umane.
In effetti, tutti temi da sempre sviluppati nei nostri servizi ma il “bollino verde” vuole imprimere un’accelerazione: emergenza clima e ambiente, non c’è più tempo!
Qualcuno dirà che è una goccia in mezzo al mare, ma il “fuoco di tiro” delle nostre molteplici proposte editoriali non è poi così banale.
Siamo certi che riusciremo a dare il nostro contributo.