IFA GPC 2019 Andalusia: mercato tech, tra sorprese e conferme

Friedemann Stöckle, Vice President Global POS Support

Come si muovono i consumatori in un mondo connesso? Quali sono i trend del mercato globale? Sono le domande a cui Gfk con i suoi dati prova a dare risposta all’interno della Global Press Conference di Ifa 2019, l’evento appena concluso di presentazione dell’appuntamento europeo più importante dedicato alla tecnologia.
Le vendite del mercato mondiale dei beni di consumo tecnologici, secondo una stima totale, ammontano a 1,052 miliardi di euro, “si riscontra una leggera crescita dell’1% rispetto all’anno precedente”, spiega Friedemann Stöckle (Vice President Global POS Support Gfk),mai come ora il consumatore ha avuto così tanto controllo sulla scelta dei prodotti, per acquistare i migliori o i più convenienti (65% degli intervistati)” riferendosi all’opportunità di selezionare, paragonare e comprare tramite Web in pochi clic.
Sono cinque i trend evidenziati da Gfk destinati a trainare il mercato, qualche sopresa, ma in parte questi temi non sono una novità.
Le prestazioni, i prodotti di fascia alta e un’esperienza utente il più possibile ricca guidano la scelta. Grande interesse in particolare in Europa per le ultime novità tech, un quarto del mercato acquista prodotti con le tecnologie più innovative, non è lo stesso nel resto del mondo.
A questa tendenza s’aggiunge un fenomeno che Stöckle riassume con il termine “semplificazione”, ovvero il desiderio di prodotti il più possibili facili da usare ed installare, meglio ancora con comandi vocali. Riveste sempre più importanza l’aspetto “ispirazionale” del device, il “mondo” che evoca e l’esperienza lifestyle che ne consegue, a prescindere dalle funzioni.
A quest s’aggiunge “l’everywhere shopping”, la possibilità di acquistare ovunque ed in ogni momento l’oggetto dei desideri tech. L’ultimo dei trend di cui tenere conte è un’economia dei paesi emergenti ormai giunta a maturazione, che a livello mondiale provoca uno spostamento della richiesta. In Cina per esempio, anche se meno che in Europa, ora c’è una richiesta di prodotti con un alto tasso d’innovazione, con un indice di prezzo medio aumentato in dieci anni del 50% circa. Cresciuta in particolare in Asia la richiesta di frigoriferi, 18% del valore, rispetto all’11% in Europa.
A dominare il mercato globale saranno ancora gli smartphone, o più in generale l’universo mobile (44% della quota), a seguire i grandi elettrodomestici (17%), poi computer (15 in calo), gli apparecchi audio/video (15%) ed i piccoli elettrodomestici in netta crescita (9%).
Come evidenziato anche nella conferenza principale, grande interesse per i dispositivi connessi e smart, una tendenza su cui in molti avrebbero scommesso già lo scorso anno. Il 79% dei televisori e il 75% dei device audio venduti ora sono connessi, con una quota passata  2% del 2016 al 9% attuale.