D-Link Italia – Un commento sul wi-fi mesh

Alessandro Taramelli, Country Manager D-Link Italia
Alessandro Taramelli, Country Manager D-Link Italia

«Il principale vantaggio della tecnologia wi-fi mesh è quello di riuscire a coprire spazi molto ampi o dove è complicato estendere il segnale wireless, per esempio a causa di muri spessi e dove le precedenti tecnologie faticavano a coprire l’area.
Nonostante questo tipo di tecnologia sia stata introdotta da poco, i consumatori iniziano a comprendere i vantaggi rispetto ai sistemi wi-fi tradizionali. Bisogna considerare che i sistemi mesh trovano un ambiente adatto alle loro funzionalità non soltanto in abitazioni multi-piano o di dimensioni medio-grandi, ma anche in uffici dove si ha la necessità di avere una grande copertura e la funzionalità di roaming da un hotspot all’altro.
Il router e il wi-fi sono diventati il centro della smart home, il cuore. In futuro gli oggetti connessi IoT e la mole di dati scambiati (e lo streaming) attireranno ancora di più l’attenzione su questa tecnologia su più livelli: maggiori prestazioni, maggiore sicurezza, più design.
D-Link sta investendo molto su questi aspetti e COVR ne è un esempio.
La rete mesh creata dai dispositivi COVR è una rete unica, non si tratta di reti diverse. Questo significa che una volta che i nostri dispositivi (smartphone, computer, oggetti IoT) hanno accesso alla rete, poi passano in modo fluido da un COVR all’altro, verso quello con il segnale wireless più intenso, senza interruzioni o rallentamenti.
Inoltre, la tecnologia di COVR mette a disposizione degli utenti l’ampiezza di banda necessaria per svolgere al meglio ogni compito, con velocità Gigabit».