GfK – Crescita a valore del mercato globale degli smartphone

GfK Mercato Smartphone Mondo 2018Con una quota del 44%, il comparto Telecom (Smartphone, Cellulari e Wearable) continua ad essere il più importante all’interno del mercato globale dei Technical Consumer Goods.

Nonostante una diminuzione del 3% del numero di Smartphone venduti, nel 2018 il mercato è cresciuto ancora, raggiungendo i 522 miliardi di dollari. Questi i principali trend presentati da GfK in occasione del Mobile World Congress 2019 a Barcellona.

Nel 2018, circa il 12% degli Smartphone venduti a livello globale aveva un prezzo superiore a 800 dollari (erano il 9% nel 2017). Gli Smartphone di fascia media (150-400 dollari) mantengono il primo posto con una quota del 46% (+2% rispetto al 2017) e continuano a rappresentare un importante terreno di scontro per i brand.

In linea con quanto accade a livello internazionale, in Italia l’anno si è chiuso con 15 milioni e 400 mila unità vendute (-3,7% rispetto al 2017), mentre cresce il valore generato dalle vendite grazie a un fatturato di 5 miliardi e 100 milioni (+6,6%).

Continua il trend positivo delle fasce di prezzo Premium: gli Smartphone con un prezzo superiore a 600 Euro raggiungono una quota a valore del 48%, segno che l’innovazione dei modelli flagship continua ad essere premiata dai consumatori italiani.

I Core Wearable continuano a registrare un trend positivo, con una crescita del +17% a unità e del 35% a valore del rispetto all’anno precedente. La domanda è stata trainata dal successo degli Smartwatch dotati di SIM (+8%), che rappresentano il segmento più importante all’interno dei Core Wearable, con una quota del 18% a valore.

La Cina è il primo mercato al mondo per gli Smartphone, oltre ad essere la patria di alcuni brand in forte crescita a livello globale. Nel 2018 il 40% degli Smartphone prodotti in Cina è stato venduto fuori dal Paese, un dato in crescita rispetto al 31% del 2016. Il recente calo della domanda cinese nel quarto trimestre del 2018 (-19% rispetto all’anno precedente) sta avendo un impatto significativo sul trend globale, anche per il peso di questo mercato (27% a valore).

La crescita della domanda in Europa Centrale e orientale (+3%) e nei Paesi Asiatici Emergenti (+13%) ha compensato solo parzialmente il calo della Cina nell’ultimo trimestre del 2018.