Bosch, IoT e intelligenza artificiale per la casa

bosch smart homeAl CES 2019 di Las Vegas, Bosch ha mostrato le soluzioni connesse per la mobilità e le case del futuro. Il punto da cui parte l’azienda, è che l’IoT, l’Internet of Things, sta sempre di più cambiando il nostro mondo. E Bosch ha riconosciuto sin dall’inizio le enormi opportunità dell’IoT.

Utilizzando il proprio cloud IoT, l’azienda ha già realizzato oltre 270 progetti in campi quali smart home, mobilità, smart city e agricoltura. A evidenziarlo è stato Markus Heyn, membro del board of management di Bosch. Il numero di sensori e dispositivi connessi alla piattaforma Bosch IoT Suite è aumentato di quasi il 40% rispetto allo scorso anno. E ora raggiunge gli 8,5 milioni.

Sempre secondo Heyn, l’azienda sarà in grado di sbloccare il potenziale dell’IoT combinandolo con l’intelligenza artificiale. E portando avanti in parallelo le attività su IoT e intelligenza artificiale. A suo avviso, la relazione tra i due campi è complementare: l’IoT ha bisogno di intelligenza. Mediante questa integrazione, Bosch mira ad apportare miglioramenti concreti nella vita quotidiana delle persone.

Heyn ha affermato inoltre che Bosch è al lavoro sull’idea di una casa connessa e apparecchi che pensano autonomamente e capiscono cosa gli utenti desiderano. Al CES l’azienda ha ad esempio presentato una nuova funzione per i frigoriferi web-enabled in grado di riconoscere i tipi di alimenti e fornire raccomandazioni sulla conservazione. La fotocamera interna riconosce automaticamente circa 60 tipi di frutta e verdura e suggerisce la posizione ideale per conservarli tramite un’App.

Un altro nuovo sviluppo è il proiettore PAI, che può proiettare un’interfaccia utente virtuale su un ripiano da cucina. Un sensore 3D integrato cattura qualsiasi movimento della mano, consentendo l’operatività touch dell’interfaccia. Ciò permette agli utenti, ad esempio, di richiamare comodamente ricette online o fare chiamate su Internet mentre cucinano. Il debutto di PAI in Cina è previsto per febbraio 2019, seguito dal lancio sul mercato negli Stati Uniti.

Fonte: 01net