Vesit conquista Sharp

Massimiliano Giorgino, Direttore Generale
Massimiliano Giorgino, Direttore Generale

Un altro marchio storico si unisce al ricco portafoglio del Gruppo Industriale Vesit, che dallo scorso agosto lavora assiduamente alla definizione di una strategia vincente per la gestione dei grandi elettrodomestici Sharp, già da tempo, industrializzati e distribuiti da Vestel in Europa.

«Nel 2014 – spiega Massimiliano Giorgino, managing director del Gruppo Industriale Vesit – Vestel ha acquisito la licenza da Sharp Japan per la produzione e distribuzione dei grandi e piccoli elettrodomestici del brand in Europa, tranne che in Italia. Ciò era dovuto probabilmente al fatto che Sharp Italia aveva un business solido, anche grazie all’area dei calcolatori, storicamente molto forte nel nostro mercato. Ma gli ottimi risultati raggiunti da Vestel con il marchio Sharp in Europa hanno fatto sì che la questione italiana venisse riconsiderata. Così lo scorso agosto è stato siglato un accordo di brand-licensing con la nostra azienda, il Gruppo Industriale Vesit, distributore italiano di Vestel. L’accordo prevede la gestione del grande elettrodomestico e della climatizzazione».

Dalla scorsa estate, quindi, l’impegno di Vesit per inserire il brand nel già ricco portafoglio di marchi che possiede, è ai massimi livelli.
«Sharp Italia – prosegue Giorgino – aveva già un business molto florido, con accordi importanti soprattutto per quanto riguarda i grandi formati del settore del Freddo, come i frigoriferi a tre o quattro porte, i side-by-side e gli over 70. Inoltre il marchio era ben posizionato anche nei forni a microonde. Erediamo pertanto una situazione molto solida a livello di riconoscibilità del marchio Sharp presso gli addetti ai lavori, ma con fatturati in calo nell’ultimo periodo dovuto principalmente alla exit strategy di Sharp Italia».

Mantenere questi risultati richiede quindi una strategia molto accorta e ben congegnata.
«La nostra strategia – dichiara Giorgino – deve puntare alla massima continuità di business. I canali preferenziali saranno quelli della distribuzione specializzata e moderna, mentre per l’aria condizionata ci orienteremo anche sui Do It Yourself e in generale stiamo valutando le opportunità sul canale professionale. A partire dal prossimo anno, inoltre, attiveremo un nuovo polo produttivo per i climatizzatori, con un importante rinnovamento dei processi, che ci consentirà di far migrare le peculiarità che la nostra azienda esprime in diversi business anche sul Clima: altissima qualità a posizionamenti estremamente competitivi».

Ma il Freddo e il Clima non sono gli unici segmenti dell’offerta Sharp.
«Alla Refrigerazione – precisa infatti Giorgino – andremo ad aggiungere il Lavaggio, con lavabiancheria e lavastoviglie, e la Cottura, con cappe, forni e piani a induzione. Con Sharp accogliamo quindi una sfida importante, ma siamo convinti che il brand abbia tutte le carte in regola per avere successo. Oltre alla gestione dei nostri marchi, manterremo con convinzione la nostra vocazione come OEM, un’attività che ci ha portato a raggiungere quote di mercato assolutamente interessanti».

 

Leggi l’intervista completa sul numero di dicembre della rivista.