GfK – Consumatori fiduciosi, imprenditori preoccupati

L’ultima edizione della ricerca Climi Sociali e di Consumo condotta da GfK mostra un’Italia divisa: da una parte migliorano il clima di fiducia e le aspettative per il futuro dei consumatori, dall’altra le aziende mostrano maggiori preoccupazioni rispetto all’evoluzione del quadro economico.

Mai come oggi, gli italiani sono fiduciosi rispetto alle prospettive economiche proprie e del Paese. Il sentiment dei consumatori è infatti cresciuto rispetto all’inizio dell’anno, raggiungendo a giugno il massimo storico dalle rilevazioni periodiche GfK.

Migliora anche l’umore per quanto riguarda gli acquisti. Torna la voglia e il piacere di comprare, atteggiamenti che nel recente passato si erano un po’ persi per strada.

Se la rilevazione autunnale di Climi Sociali e di Consumo mostra una fiducia in crescita da parte dei consumatori, diverso è il punto di vista del tessuto produttivo. Mai come oggi, le aziende grandi e medio-grandi – con la voce dei rispettivi manager – esprimono preoccupazione per l’economia italiana, sottolineando come il momento storico non sia favorevole a nuovi investimenti: l’indicatore relativo perde infatti 35 punti percentuali rispetto all’inizio del 2018.

Due visioni opposte esprimono quindi lo spirito del tempo sul finire dell’anno in Italia: da un lato i cittadini che ritengono che qualcosa (o molto) di positivo sia accaduto o stia accadendo, dall’altro i manager delle aziende, perplessi se non bloccati nel fare.