Faber – Integrazione fra mobili ed elettrodomestici

faber glam fitL’integrazione fra mobili ed elettrodomestici consente di soddisfare al meglio le esigenze dei consumatori che desiderano spazi armoniosi a livello estetico e funzionale. Sono sempre meno le soluzioni standard, mentre cresce l’importanza attribuita alla customizzazione. Vediamo l’opinione di Dino Giubbilei, Direttore Marketing di Faber.

Dino Giubbilei, Direttore Marketing di Faber
Dino Giubbilei, Direttore Marketing di Faber

Si parla spesso di integrazione tra mobile da cucina ed elettrodomestici, Secondo la sua opinione è un trend in crescita?
L’integrazione tra i due elementi è sicuramente importantissima, perché consente di progettare il design dell’ambiente cucina in modo più profondo, come abbiamo fatto con Galileo, piano cottura con cappa integrata. Un prodotto unico nel design, in grado di adattarsi a diverse tipologie di cucina, e caratterizzato da motore waterproof e salvaspazio, in classe energetica A+++. Resistente e di piccole dimensioni, il corpo di Galileo si concentra solo nella parte centrale del mobile in cui è incassato, mentre il resto dello spazio è destinato a uno speciale cassetto, ideale per contenere utensili e alimenti. Galileo rappresenta un esempio di integrazione nel mobile davvero ben riuscito: è il risultato di una continua ricerca stilistica da parte dell’azienda. Faber, da sempre attenta al consumatore, propone un’ampia gamma di prodotti in grado di soddisfare le esigenze delle cucine moderne, da quelle minimal a quelle più ricercate.

Crede che la diffusione di nuovi elettrodomestici con dimensioni non tradizionale modificherà il design della cucina?
L’attuale modo di progettare l’ambiente cucina è il risultato di un processo iniziato diverso tempo fa. La cucina è diventata sempre più protagonista grazie a spazi più ampi e zone cottura ad isola. Faber soddisfa queste esigenze dei consumatori ad esempio con un modello come Chloé XL, disponibile sia a isola che a parete, e perfetta per arredare i grandi spazi con stile e funzionalità. Questo prodotto è realizzato in ghisa e grigio country opaco, due colori che richiamano le ultime tendenze di interior design e che mettono in evidenza i suoi elementi distintivi, come i comandi knob, le particolari manopole rotonde. Il design tuttavia consente di sfruttare al meglio anche spazi più ristretti, per esempio con il modello Glam-Fit (nella foto) caratterizzato da un design contemporaneo e minimale. Oltre alla possibilità di scegliere la versione bianca o nera, questo prodotto è ideale per cucine smart: Glam-Fit, infatti, è la prima cappa verticale in vetro totalmente piatta e ultrasottile in soli 15 cm di spazio, disponibile anche in formato “small” nella versione da 55 cm.

Secondo lei. Quali sono i fattori che contribuiranno ad una vera integrazione tra elettrodomestici e cucina?
Possiamo individuare due fattori: design e tecnologia. Da Ilma passando per Onyx-C, fino a Galileo (ultimo arrivato in casa Faber), tutti i nostri prodotti sono pensati per dare valore aggiunto alla cucina in termini di stile ed eleganza. Con Galileo, ad esempio, la scelta del colore nero per la piastra e della griglia in ghisa completamente flush sul vetro è stata voluta per impreziosire la zona cottura e renderla davvero unica. Allo stesso tempo, progettare in termini di integrazione consente di massimizzare i prodotti anche dal punto di vista della tecnologia. Come detto, Galileo è progettato a livello di spazio e prestazioni per dare il massimo stando inserito nel suo mobile. Un modello come la cappa Ilma, dotata della tecnologia Steam Off System (che grazie a getti di aria controllata rilasciati in forma elicoidale e a geometria variabile crea due vortici per gestire la salita di fumi e vapore), consente di preservare i mobili in cui la cappa è inserita e allo stesso tempo di migliorare la qualità dell’aria – e quindi della vita – nell’ambiente domestico.