Philips chiude il quarto trimestre a 5,3 miliardi di euro

Philips_corporate imagePer il quarto trimestre Philips registra un fatturato di 5,3 miliardi di Euro, segnando il 5% di incremento delle vendite su base comparabile. L’utile netto generato dalle attività correnti è pari a 476 milioni di Euro e il margine EBITA rettificato è aumentato di 140 basis point, raggiungendo il 16,7% delle vendite, rispetto al 15,3% del quarto trimestre 2016.

A livello annuale, Philips ha registrato una crescita del 4% delle vendite su base comparabile e un incremento del margine EBITA rettificato di 110 basis point. L’utile netto, che include un’imposta una tantum non-cash di 72 milioni di Euro, si attesta sui 1.028 milioni di Euro rispetto agli 831 milioni del 2016.

Frans van Houten, CEO di Royal Philips, ha così commentato: «Il 2017 è stato un buon anno, poiché abbiamo portato avanti la trasformazione di Philips in un’azienda leader nell’health technology e rispettato gli obiettivi previsti per quest’anno. Abbiamo rafforzato le nostre piattaforme strategiche attraverso acquisizioni mirate, introdotto diverse innovazioni di valore, stretto partnership strategiche a lungo termine e deconsolidato Philips Lighting con la riduzione della nostra quota azionaria a meno del 30%».

Le scelte sembrano premianti, tanto che Philip ha chiuso il 2017 con una crescita del 6% degli ordini acquisiti. «Sono contento che le nostre iniziative di crescita organica stiano dando risultati tangibili, come il forte incremento degli ordini acquisiti nel nostro segmento Digital Pathology Solutions, la crescita a doppia cifra dei nostri dispositivi Sleep & Respiratory Care e il continuo successo di Philips OneBlade. Questo rivoluzionario strumento ibrido ha generato più di 100 milioni di Euro di vendite annuali nell’arco dei 18 mesi successivi al suo lancio. – Frans van Houten, CEO di Royal Philips – Nel 2018 ci aspettiamo che i nostri mercati crescano dal 3 al 5% su base comparabile. Questo, insieme al nostro solido portafoglio ordini, ci consente di affermare che siamo certi di poter rispettare i nostri obiettivi a medio termine di quest’anno, ossia un incremento delle vendite su base comparabile tra il 4 e il 6% e, in media, un miglioramento di 100 basis point annuali del margine EBITA rettificato. Considerate le diverse fasi del nostro portafoglio ordini, ci attendiamo che i miglioramenti siano concentrati sulla parte finale dell’anno».