Crescita a doppia cifre per la raccolta RAEE

Giancarlo Dezio (Presidente del Centro di Coordinamento RAEE) e Fabrizio Longoni (Direttore Generale)
Giancarlo Dezio (Presidente del Centro di Coordinamento RAEE) e Fabrizio Longoni (Direttore Generale)

Si è tenuto oggi l’annuale appuntamento con il Centro di Coordinamento RAEE, durante il quale sono stati presentati i dati nazionali e regionali relativi alla raccolta dei RAEE consegnati dai Cittadini e dalla Distribuzione presso i Centri di Raccolta iscritti al Centro di Coordinameno RAEE.
Nel 2016 la raccolta è cresciuta del 14% per un totale di 283.075.012 kg e un dato medio pro capite di 4,7 kg per abitante.
Merito sicuramente di una maggiore attenzione all’ambiente da parte dei cittadini, ma anche dell’alta tecnologia che caratterizza i nuovi prodotti immessi sul mercato che porta il consumatore a un ricambio veloce del bene.
In aumento del 5,15% anche il numero di Centri di Raccolta a disposizione dei cittadini sul territorio nazionale; nonostante permangano differenze tra le diverse aree del Paese.
Questo determina un’Italia a due velocità, con il Nord che si avvicina alle percentuali dei paesi mitteleuropei e il Sud (esclusa la Sardegna) che evidenzia ancora bassi quantitativi di RAEE raccolti, nonostante il dato sia in forte crescita (22,47%) e il Molise sia la Regione che registra l’incremento percentuale più alto in assoluto pari al 152,19%.
Per quanto riguarda i cinque raggruppamenti (definiti dalle diverse esigenze di trattamento e riciclo dei materiali contenuti nei rifiuti), il dato è positivo per tutte le tipologie ad eccezione di R3 (Tv e Monitor) che, in modo coerente con l’andamento di questo settore negli ultimi anni, segna un -1,53% rispetto al 2015.
In particolare, R1 (Freddo e Clima) cresce dell’8,16% con 76.159.354 kg raccolti, R2 (Grandi bianchi) del 31,09% con 90.147.618 kg, registrando la performance migliore in assoluto, R4 (Piccoli elettrodomestici) presenta un incremento del 17,14% con 50.882.485 kg e R5 (Sorgenti luminose) del 17,43% con 1.702.327 kg.
Ancora molto c’è da fare secondo il Presidente del Centro di Coordinamento RAEE, Giancarlo Dezio, che sottolinea come la gds possa fare di più, guardando alla raccolta RAEE come ad un servizio aggiuntivo da offrire al cliente. «Non è il consumatore che deve andare all’isola ecologica, ma deve essere il contrario. Sempre più sono i punti della grande distribuzione che hanno attivando la raccolta “Uno contro Zero” e sulla base dei dati che abbiamo raccolto, questo sta dando ottimi risultati. Secondo me, il 2017 vedrà un forte incremento della raccolta dei piccoli elettrodomestici grazie anche al circuito della grande distribuzione».

 

Scarica il rapporto