FINDOMESTIC Non solo smartphone. Le case italiane sono sempre più evolute

2-dati-findomestic-beni-durevoliLe dotazioni tecnologiche nelle case italiane aumentano e sono sempre più evolute. La familiarità con le nuove soluzioni high-tech è sempre più forte e diffusa e i consumatori acquistano volentieri prodotti che avvertono come migliorativi e semplificatori della vita quotidiana.

Non a caso, in una recente indagine di Findomestic sul possesso di beni tecnologici nelle case italiane, più del 50% dei consumatori rispondenti dichiara di avere già installato un climatizzatore e di avere già acquistato una macchina per il caffè espresso, due elettrodomestici legati al benessere, al comfort e al relax. Una percentuale analoga del panel sarebbe interessata a dotarsi di robot aspirapolvere, strumento in grado di alleviare le fatiche quotidiane e di far risparmiare tempo.

Il filo conduttore nella scelta di un bene tecnologico resta quindi il miglioramento significativo della qualità e dello stile di vita. Poi naturalmente si va alla ricerca di dispositivi per comunicare e per vivere esperienze appaganti di intrattenimento.

Ma vediamo i dati rilevati dall’Osservatorio Findomestic dopo aver intervistato un campione di 500 consumatori, occupati o pensionati, dall’età compresa tra i 18 e i 64 anni.


2-findomestic-beni-durevoli1


Come intuibile, il bene tecnologico più posseduto è il telefono cellulare o lo smartphone, di cui il 99% del panel dispone, essendo dotato mediamente anche di più di due modelli. Il 47% dei consumatori dichiara di averne acquistato uno negli ultimi dodici mesi.

Altro grande protagonista delle case italiane è il televisore, presente nel 98% dei casi, anch’esso con più esemplari. Il 17% del panel ne ha acquistato uno nell’ultimo anno.

Immancabile poi il personal computer, ormai portatile, che l’86% degli individui ha nella propria abitazione. Anche in questo caso, il 17% ne ha comprato uno negli ultimi 12 mesi.

Di poco inferiore è la percentuale di chi dispone di fotocamera e tablet, rispettivamente presenti nel 76% e 68% delle case del campione intervistato.
In questo caso, però, varia la quota di consumatori che ha acquistato recentemente tali beni durevoli: 5% nel caso delle fotocamere e 15% nel caso di tablet e e-book.

Come si diceva in apertura, le abitazioni sono ormai equipaggiate con tutto ciò che possa alleggerire e migliorare la vita. Così i climatizzatori sono presenti nel 52% delle abitazioni e le macchine del caffè nel 55%.

La diffusione della connessione Internet, poi, attiva nell’87% dei casi dà modo agli utenti di prendere in considerazione l’acquisto futuro di beni connessi di ultima generazione.

2-findomestic-beni-durevoli2

Stando a Findomestic, il 65% degli intervistati coinvolti nell’indagine è interessata a procurarsi dispositivi intelligenti; il 56% una smart Tv o un televisore 3D e il 52% una telecamera wireless per la videosorveglianza. Anche i robot aspirapolvere suscitano grande interesse. (TC)