GfK Italia La Consumer Experience passa per la disintermediazione

L’Amministratore Delegato di GfK - Consumer Experiences Silvio Siliprandi
L’Amministratore Delegato di GfK – Consumer Experiences Silvio Siliprandi

Si è svolto a Milano, presso la sede congressuale di Unione Confcommercio, l’edizione 2016 del Seminario Annuale GfKConsumer Experience,  che ha approfondito alcuni trend emergenti che interessano la società e i consumatori italiani, partendo dall’analisi di un fenomeno sempre più pervasivo: la disintermediazione.
La disintermedizione, che si indica il processo di rimozione della figura dell’intermediario, implica anche che il consumatore non ha più bisogno di colui che dovrebbe vendergli il prodotto.
Ha dichiarato in apertura l’Amministratore Delegato di GfK – Consumer Experiences Silvio Siliprandi: “Con la disintermediazione cadono muri e barriere, il cambiamento e la mobilità diventano regola, mentre la stabilità è un’eccezione. Ormai da anni le istituzioni tradizionali sono in crisi di legittimità e i cittadini, se da una parte godono di maggiore autonomia, dall’altra sentono il bisogno di nuove forme e occasioni di GfK_Dati Seminario 2016identificazione, relazione e scambio. Anche le aziende e i brand sono ovviamente coinvolti in questa rivoluzione e devono diventare consapevoli che i cittadini-consumatori sono sempre meno influenzati da valori quali la storia e la tradizione di un’azienda. Gli ingredienti essenziali per una re-intermediazione soddisfacente sono la fiducia, il coinvolgimento e l’innovazione”.
Sono quindi intervenuti, nel seminario: Paolo Salafia, Senior Insights Director GfK, ha sviluppato il tema  della Sharing Economy;  Giuseppe Minoia, Presidente Onorario GfK, ha evidenziato come gli over 50 si siano rapidamente digitalizzati (+400% di uso di internet rispetto al 2007): Stefania Conti, Deputy Business Unit Director, Financial Services GfK, si è intrattenuta  su un tema delicatissimo come l’ “Uberizzazione” della Finanza; Isabella Cecchini, Business Unit Director, Health GfK, ha spiegato che il consumatore-paziente è in cerca di un nuovo equilibrio fra disintermediazione e consulenza esperta.
GfK_Sala Seminario 2016_lowMentre Antonio Besana, Deputy General Manager GfK Italia, in tema di retail ha spiegato: “I canali on-line ed off-line sono ormai complementari più che concorrenti e l’on-line è divenuto una sorta di format imprescindibile per la distribuzione tradizionale”. L’accesso ai canali on-line appiattisce la consumer loyalty e disincentiva la mobilità per lo shopping, rivalutando il fattore commodity di servizio del negozio di prossimità. “Creatività, innovazione e rapidità di reazione sono fattori cruciali per i retailer. L’utilizzo e l’importanza dei diversi canali cambierà nel tempo, ma ognuno di essi avrà un suo ruolo: il retail tradizionale gode ancora di ottime opportunità”.