CINEMA La fuga dei giovani dalle sale a vantaggio degli smartphones

imageL’Istituto Toniolo (in collaborazione con l’Università Cattolica e di Fondazione Cariplo) ha sondato 1600 soggetti nati fra il 1982 e il 1994 e ha stilato il Rapporto Giovani per la Fondazione Ente dello Spettacolo. Il risultato non è confortante per il “cinema in sala”, soprattutto se si pensa che da sempre l’industria del cinema – Hollywood per intenderci – ha sviluppato prodotti prendendo i teenagers come parametro di riferimento. Soltanto il 26,1% degli interpellati sceglie il cinema per vedere i film: ben il 79,4% usa lo smartphone per la fruizione (forti anche del fatto che il 20,4% scarica i film illegalmente).  La ricerca poi prosegue con altri dati curiosi, il più importante dei quali ci sembra quello inerente alla scelta del film. I giovani operano le loro scelte sostanzialmente per la trama, 59,3%, e non sono interessati ad altro (gli interpreti per esempio incidono appena del 17,1%).
Probabilmente non si tratta del de profundis delle sale cinematografiche. La fruizione continuerà per blockbuster e filmgame godibili in sale ipertecnologiche dove lo spettatore sarà proattivo. Indubbiamente la visione digitale e le varie offerte alla Netflix dovrebbero crescere a livello esponenziale, anche perchè il biglietto dei cinema è piuttosto elevato per le tasche dei giovani.