Si è tenuto ieri il primo Amazon European Innovation Day: un’occasione per l’azienda per approfondire la sua mission. Durante l’evento, Amazon ha manifestato l’intenzione di incrementare gli investimenti nella ricerca in tutti i paesi europei, Italia inclusa.

Jeff Wilke, Ceo Worldwide Consumer di Amazon ha motivato questa scelta sottolineando come molte delle tecnologie chiave dell’azienda siano nate proprio in Europa. Un esempio su tutti, Alexa che è nata in Polonia.

Sull’ANSA si legge che: «I Centri di Sviluppo Prime Air in Austria, Francia e Regno Unito contribuiscono alla creazione di un sistema di consegna progettato per trasportare in sicurezza i pacchi ai clienti in 30 minuti o meno utilizzando i droni. In Italia il Centro di ricerca e Sviluppo Amazon è stato aperto a Torino a fine 2017: a quanto si apprende, entro l’anno conterà 12 ingegneri. Invece le borse di studio nel nostro paese sono rivolte a due giovani studentesse del Politecnico di Torino e Milano: 6.000 euro all’anno, per tre anni, a ragazze iscritte al corso di laurea in Ingegneria Matematica presso il Politecnico di Milano ed Ingegneria Informatica presso il Politecnico di Torino selezionata dagli atenei in base a criteri di merito e reddito».